Comune di Godiasco Salice Terme

Comune di Godiasco Salice Terme

Complesso termale

DESCRIZIONE
Il tratto murario all’angolo tra “Via delle Terme” e “Viale Diviani”, il più caratteristico, è caratterizzato da lesene con capitelli decorati a volute. Notevole la serie di beccatelli che sostengono, per tutto il padiglione, i correnti in aggetto del tetto. Lo spazio murario tra i beccatelli, risulta decorato a motivi geometrci.

Chiesa Natività V. M.

DESCRIZIONE
Esterno. Portico: risulta a tre fornici ad arco a tutto sesto e quattro pilastri con lesena addossata. Notevole il frontone nella cui parte centrale vi è un affresco in parte deteriorato. Facciata: l’ingresso alla chiesa non risulta in asse con l’arcata del portico, ma è notevolmente spostato sulla sinistra: consiste in un portale ad arco a tutto sesto con archivolto in cotto. Quest’ultimo fa da ornamento anche alle finestrelle laterali (anch’esse ad arco a tutto sesto). Lato destro: è caratterizzato da finestre e porte di accesso alla sagrestia. Lato sinistro: presenta una porta adiacente al presbiterio. Interno. Lato destro: è suddiviso in quattro campate da pilastri con lesena addossata. Prima campata: presenta, al centro, la porta di collegamento con la sagrestia (spazio con pianta rettangolare, soffitto piano e porta di accesso al campanile). Seconda e terza campata: priva di elementi decorativi. Quarta campata: presenta una piccola finestra quadrata. Lato sinistro: presenta la stessa suddivisione del lato destro: il presbiterio però presenta una porta che dà direttamente sull’esterno. Il perimetro del soffitto è marcato da una cornice in gesso che collega tutti i capitelli dei pilastri.

Chiesa Cristo Re

DESCRIZIONE
Esterno. L’ingresso (costituito da portale rettangolare in legno a riquadri) è preceduto da un piccolo pronao sostenuto da due pilastri (in mattoni a vista) di pianta quadrata, con capitelli in arenaria; su questi ultimi è impostato un arco a tutto sesto. La parte superiore del pronao è caratterizzata da tetto a due falde (a capanna), con copertura in coppi. Il pronao risulta inquadrato da due paraste in mattoni: ogni parasta presenta tre scanalature che partono dal basso ed arrivano quasi al disotto del capitello (in arenaria). Poco al disopra del tetto del pronao, vi è una croce in arenaria in rilievo. Al vertice del frontone della chiesa, un acroterio in arenaria sostiene la statua raffigurante una Madonna con Bambino (anch’essa in arenaria). Sul tetto della chiesa, vi è una piccola torretta campanaria in mattoni sormontata da sottile croce in ferro. Interno. Controfacciata: bussola d’ingresso in con le due porte laterali. Lato destro: scandito in quattro campate da tre lesene. Prima campata: è compresa tra un sottile pilastro (sormontato da capitello posto all’incrocio con il soffitto) situato nell’angolo tra parete di destra e controfacciata, ed una prima lesena a tutta altezza con capitello in sommità; al centro una finestra rettangolare a strombatura con vetrata a mosaico. Seconda campata: è compresa tra la lesena appena descritta, ed una seconda lesena, con eguali caratteristiche: al centro, finestra rettangolare a strombatura con vetrata a mosaico. Terza campata: consiste in un vano adibito a zona confessionale; si tratta di uno spazio rettangolare con soffitto piano; entrandovi si nota, sulla parete destra una finestra rettangolare con vetrata a mosaico, sulla parete di sinistra, un’altra vetrata con uguali caratteristiche. Quarta campata: compresa tra la terza lesena e l’inizio del presbiterio: al centro, terzo finestrone rettangolare, come i precedenti. Lato sinistro: presenta le stesse caratteristiche e scansioni del lato destro ma con una variante: la terza campata infatti, non è adibita a confessionale ma a cappelletta; è anch’essa rettangolare, ma ricoperta, a tutta altezza, da lastroni di marmo liscio (nei lati corti a destra e sinistra, dove sono posizionate le finestre) e da lastre di marmo più grezzo nel resto del vano. Presbiterio: il punto di incontro tra la navata ed il presbiterio, è marcato da due pilastrini (rispettivamente nell’angolo destro e sinistro) che hanno le stesse caratteristiche di quelli opposti situati in controfacciata. Si giunge al presbiterio superando due gradini marmorei. Il presbiterio presenta, nella parte destra e sinistra, due aperture rettangolari che immettono in una galleria che circonda completamente la zona absidale.

Oratorio S. Caterina

DESCRIZIONE
Esterno. La facciata, molto semplice, presenta, sopra il portale ad arco una piccola nicchia. Lato destro: è completamente privo di intonaco (si può osservare la trama muraria a pietre squadrate e mattoni, legati con malta) e presenta una finestrella quadrata. Lato sinistro: stessa struttura del lato destro. Verso il centro del tetto, svetta una torretta campanaria in pietra. Interno. Il lato destro e sinistro presentano, nella porzione mediana, una colonna scanalata.

Oratorio S. Carlo

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: la copertura in aggetto fa da tettoia all’ingresso, ed è sostenuta da due travi con sezione tonda,che fuoriescono dalla muratura. Di un certo rilievo il portale in pietra arenaria, costituito da due stipiti di sezione quadrata e poggianti sopra basamento; l’architrave è sostenuto da due capitelli ad arco rampante. La porta d’ingresso, a due ante in legno, sembra molto antica. Sulla destra e sulla sinistra rispetto all’ingresso, due finestrelle quadrate con inferriata. Sopra il portale, una nicchia non molto profonda con dipinto. Il lato destro presenta una finestrella rettangolare con inferriata. Lo stesso vale per il lato sinistro. Sulla zona anteriore del tetto, svetta una torretta campanaria in cemento. Interno. Si presenta molto sobrio: il lato destro è diviso in due campate da una lesena; lo stesso vale per il lato sinistro. Si accede al presbiterio superando un gradino.

Oratorio S. Desiderio

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: in stile neoclassico, presenta sui lati due pilastri incassati a sostegno del frontone soprastante. L’ingresso (una porta rettangolare a due ante) è marcato da una cornice liscia ed intonacata con piccolo timpano soprastante; poco al disopra una finestra a lunetta con mensola in aggetto. Ai fianchi dell’ingresso, due piccole finestrelle ad oculo. Fianco destro: privo di aperture. Fianco sinistro: privo di aperture; la linea del tetto è decorata da una cornice costituita da tre ordini di mattoncini in cotto. Da notare, quasi all’angolo con la facciata, alcuni resti di archivolto, ancora leggibili nella trama muraria in pietra a vista: è probabile che in quel punto sia stata murata una finestra. Dallo spiovente destro del tetto, si erge una piccola torretta campanaria, anch’essa intonacata e dipinta. Interno. Lato destro: risulta suddiviso in due campate da un pilastro con capitello a modanatura semplice. Lato sinistro: risulta suddiviso in due campate da un pilastro con capitello a modanatura semplice. Sui capitelli dei due pilastri è impostata una fascia in rilievo ad arco a tutto sesto. Presbiterio: l’accesso alla zona presbiteriale è marcato da altri due pilastri che sostengono un arco a tutto sesto. Vi si accede superando due scalini in pietra arenaria. Coro: sul lato destro, vicino al pilastro, vi è un incavo con finestrella difesa da inferriata; il lato frontale, dietro all’altare è intonacato e dipinto e presenta al centro una nicchia sopraelevata. Internamente, il lato destro e sinistro dell’oratorio risultano decorati da cornice a modanatura composita.

Chiesa S. Giovanni

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: la facciata è preceduta da un portico a pianta quadrata. Questo è costituito da quattro pilastri, di cui due (i posteriori) sono in parte inglobati in facciata. Ogni pilastro poggia sopra una base in pietra levigata, di pianta quadrata; è caratterizzato inoltre da un capitello su cui è impostato un arco a tutto sesto (ogni lato è caratterizzato da un arco). Il tetto del portico è a tre falde di forma triangolare. Il piano della chiesa risulta sopraelevato (si accede all’edificio superando un gradino) rispetto al piano del portico. L’ingresso è di forma rettangolare, con porta a due ante in legno. La facciata è inquadrata da due grossi pilastri angolari che sostengono trabeazione. Il frontone, sulla cui sommità svetta una croce in ferro battuto, risulta ben marcato. Appena al disopra del tetto del portico, una monofora con vetrata. Lato sinistro: non presenta aperture (solo la cappella è caratterizzata da una porta d’ingresso, due finestre rettangolari e una monofora). Sulla destra del portale d’ingresso, vi è una targa in pietra arenaria con la seguente epigrafe (riporto le parole leggibili): NASCI PENA LABOR VITA NECES....... MORI (Stemma inciso) .....CTOR .....NES RAPTA SCAVONUS MONUMENTUM HOC ....... La zona del coro è marcata da due lesene che arrivano fino alla cornice del tetto. Il campanile risulta a più piani, marcati da cornice con al centro feritoia. Anch’esso risulta realizzato in pietra squadrata e malta. Interno. Lato destro: risulta suddiviso in tre campate da pilastri con base di pianta rettangolare e lesena addossata. Partendo dal fondo (angolo parete destra/controfacciata) si ha la prima campata compresa tra il primo pilastro angolare ed il secondo pilastro. Seconda campata: compresa tra secondo e terzo pilastro. Questa presenta una piccola porta in legno e, al disopra una nicchia. Sopra la nicchia, una monofora rettangolare leggermente strombata evidenzia lo spessore della muratura perimetrale. Terza campata: compresa tra terzo e quarto pilastro. Presenta semplicemente una nicchia sopraelevata come la precedente. Lato sinistro: presenta le stesse suddivisioni e caratteristiche del lato destro (non esistono aperture) Superando tre gradini si accede al presbiterio. Sulla destra, la sagrestia con pianta rettangolare e soffitto a travature lignee. Sulla sinistra, un’apertura ad arco a tutto sesto introduce nella cappella, di pianta rettangolare e con soffitto piano affrescato. Il lato sinistro ha una porta, il lato destro una monofora strombata, il retro del coro, due finestre rettangolari.

Oratorio S. Bartolomeo Ap. Godiasco

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: questa, come il resto dell’edificio, si presenta in mattoni a vista, e risulta inquadrata da due pilastri angolari leggermente aggettanti, con capitello che va a raccordarsi con la cornice del frontone. L’ingresso consta di una porta a due ante con riquadri bugnati in legno, sormontata da finestra ad arco acuto protetta da inferriata. A sinistra e a destra del portale, altre due finestre archiacute, anch’esse difese da inferriata. Una fascia decorativa a intonaco, sovrasta le tre aperture, e reca la scritta “S BARTOLOMEO - APOSTOLO”. Il frontone risulta in rilievo rispetto al resto del tetto: è inquadrato da due guglie in pietra su basamento cubico in mattoni. Al centro del timpano, una croce intonacata. Lato sinistro: risulta suddiviso in tre aree. Prima area: compresa tra uno dei due lati in aggetto del pilastro angolare ed una prima parasta a tutta altezza; al centro, una monofora archiacuta come quelle descritte. Seconda area: compresa tra la prima parasta ed una seconda parasta. Terza area: compresa tra la seconda parasta e uno dei due lati in aggetto del pilastro angolare posteriore. Lato destro: presenta le stesse caratteristiche del sinistro. Nella zona compresa tra il lato destro dell’edificio ed il coro, si erge una piccola torretta campanaria in mattoni, sormontata da cuspide. Interno. Lato destro: l’angolo compreso tra la controfacciata ed il lato destro dell’edificio presenta un sottile pilastro angolare con capitello su cui è impostato un arco a tutto sesto (con intradosso lievemente sporgente) che termina sul capitello del pilastro opposto. Vi è poi la finestra archiacuta in vetro, a riquadri colorati. Segue una lesena a tutta altezza con capitello su cui è impostato il secondo arco (stesse caratteristiche del precedente). Fino in prossimità del presbiterio, la parete destra risulta liscia. Superando un gradino si accede al presbiterio: in questo punto, si ha un’altra lesena con arco a tutto sesto. Segue altra finestra archiacuta e, nell’angolo con la parete trasversale, un sottile pilastro angolare da cui parte arco con intradosso lievemente sporgente.

Chiesa S. Siro

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: è preceduta da pronao di pianta rettangolare, con ingresso rettangolare sormontato da monofora quadrilobata; stessa monofora anche sui lati. In facciata, paraste con capitello a modanatura composita e frontone; finestra ellittica in posizione centrale. La cella campanaria, in mattoni, presenta cornice superiore in aggetto, sostenuta da serie di beccatelli fittili; la copertura a cupola, è sostenuta da lanterna ottagonale con monofore circolari su quattro lati. Sul lato destro, dopo il pronao, si nota la galleria di collegamento con il palazzo Malaspina-Pedemonti.

Mulino da macina

DESCRIZIONE
E’ visibile la ruota in ferro, arrugginita, caratterizzata dalle numerose vaschette per il “pescaggio” dell’acqua. Interessante anche il sistema di chiuse in legno e quello per lo scorrimento delle acque, in cemento. Il canale prosegue sotto la strada asfaltata: oltre inizia a scorrere in galleria.
  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • P
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O

Contattaci

Comune di Varzi,
P.zza Umberto I
Varzi
Telefono: +39 0383/52676
Email: info@terrealtedoltrepo.it

Portale realizzato con i fondi di Regione Lombardia

Recent tweets

AGRITURISMO BOCCAPANE http://t.co/LOUZ2fDQmZ #scoriruini #altavaltidone #natura #prodottitipici
7 years ago Follow Us - @Terre Alte d'Oltrepò