To get directions enter your address and right click on the desired marker.

Oratorio Madonna della Guardia

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: risulta inquadrata da due paraste a tutta altezza lievemente in aggetto, che si collegano con il frontone dell’edificio. Il portale è incorniciato lateralmente da una sottile cordonatura in cotto che va a formare, al disopra di esso, un arco a tutto sesto. Sopra il portale, una monofora cruciforme in mattoni a vista. Ai lati del portale, due piccole finestre con cornice in mattoni a vista. Lato destro: anch’esso risulta inquadrato da paraste agli angoli e cornice lungo il sottogronda. Il retro dell’oratorio non presenta elementi di rilievo. Interno. Controfacciata: sopra la cornice a modanatura composita (che decora le pareti interne), in corrispondenza della vela del soffitto, si trova un lucernario a forma quadrata entro strombatura triangolare. Lato destro: nell’angolo con la controfacciata, lesena con capitello senza elementi decorativi di rilievo; la parete non presenta elementi rilevanti. Lato sinistro: stesse caratteristiche del lato destro. Il passaggio dalla navata alla zona presbiteriale è marcato da due lesene (una per lato) addossate alla parete. La parete destra del presbiterio presenta una finestra quadrata a strombatura; nella parete dietro l’altare, una nicchia e, agli angoli con le pareti laterali, due lesene come in controfacciata.

Mulino da macina

DESCRIZIONE
E’ visibile la ruota in ferro, coperta da vegetazione, caratterizzata dalle numerose vaschette per il “pescaggio” dell’acqua.

Torretta di avvistamento

DESCRIZIONE
La torre quadrata si erge dall’edificio sottostante di cui fa parte. L’elemento più caratteristico consiste nelle riseghe in cotto, che decorano il sottotetto.

Oratorio S. Martino

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: il portale è inquadrato da stipiti in aggetto rispetto alla facciata, così come anche il frontone soprastante. Al disopra, quasi sotto il livello di gronda, una finestra quadrata. Lato destro: presenta un’analoga finestra, anch’essa posizionata sotto la linea di gronda. Lato sinistro: presenta le stesse caratteristiche del fianco destro. Interno. Controfacciata: al disopra della cornice con modanatura composita, che fa da ornamento a tutti e quattro i lati interni, vi è un incavo di forma pentagonale con all’interno la finestra quadrata. Ai due angoli, una doppia lesena a tutta altezza, da cui si sviluppano parte dei costoloni che formano l’ossatura della volta. Lato destro: sopra la cornice, una finestra quadrata. Lato sinistro: sopra la cornice, una finestra quadrata. Coro: la parete dietro l’altare presenta, sopra la modanatura della cornice, una finestrella rettangolare che ha le stesse caratteristiche di quelle già descritte.

Oratorio S. Domenico Zavattarello

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: caratterizzata da un bel portale con architrave smussata. Sotto la cornice del frontone, una finestra quadrata con mensola in pietra. Il cornicione su cui è impostato il timpano, risulta sporgente e ricoperto da coppi. Lato destro: presenza di una finestra rettangolare. Dalla falda destra del tetto, in prossimità della facciata, si erge la torre campanaria intonacata; le quattro monofore della cella campanaria, sono ad arco ogivale, in mattoni a vista. Sopra la cella campanaria, la copertura a cuspide. Interno. Controfacciata: si nota la forte strombatura dell’ingresso, oltre alla finestra quadrata. Lato destro: diviso in due campate da una lesena con capitello. Prima campata: nell’angolo con la controfacciata, vi è una lesena con capitello privo di decorazioni. Segue lesena. Seconda campata: nella parte centrale della parete, una finestra rettangolare a strombatura. Lato sinistro: risulta uguale al lato destro ma senza aperture; la seconda campata coincide con il presbiterio. Una cornice con modanatura composita percorre tutte le pareti interne dell’edificio.

Oratorio S. Bernardo

DESCRIZIONE
Esterno. Facciata: portale d’ingresso rettangolare con, ai lati, due finestre rettangolari con inferriata; sopra il portale una finestra rettangolare e, sopra questa un’altra finestra relativa al solaio. Lato sinistro: lesena in pietra all’inizio dell’abside. Lato destro: come il sinistro. Una fascia in pietra in aggetto corre lungo il sottogronda del lato destro, sinistro e dell’abside. Interno. Lato destro: risulta suddiviso in due campate prive di decorazioni e separate da lesena addossata con capitello all’altezza del soffitto. Lato sinistro: stesse caratteristiche del lato destro. Presbiterio: vi si accede superando un gradino marmoreo; l’abside, per un’altezza di circa m 1,60 dal livello del pavimento, risulta in pietre a vista legate con cemento, così come le lesene presbiteriali. Le pareti sono decorate da cornice con modanatura che arriva, dal lato destro e sinistro, fino al centro dell’abside: lì s’interrompe per un tratto (e inquadra un dipinto).

Altri elementi di rilievo

DESCRIZIONE
Tutti gli elementi di seguito decritti, sono individuabili all’interno del nucleo antico di Zavattarello che ancora oggi viene denominato “su di dentro”, perchè in passato era cinto da robuste mura di protezione e di difesa. Questo luogo era zona di botteghe di artigiani al servizio del castello. Vi si accede dalla piazzetta Luchino Dal Verme. Il primo edificio degno di nota è la torretta sopraelevata in pietra e mattoni. Notevole il portale d’ingresso al sottopasso, ad arco a sesto acuto costituito da conci in arenaria ben lavorati. Dalla parte opposta si ha invece un arco a tutto sesto. Dai testi, questa torre risulta essere stata il corpo di guardia destinato ad accogliere gli armigeri che difendevano l’accesso alla rocca. Proseguendo, a poca distanza ci si imbatte in un edificio in pietra (a due piani: piano terra sopraelevato e primo piano) con base scarpata vicino al vicolo dell’Abate. Numerose le abitazioni private in cui non solo sono state mantenute inalterate le murature in blocchi di pietra e malta, ma anche i portali d’ingresso: in alcuni casi ad arco a sesto acuto con conci in arenaria, in altri (casa con formella in via Mazzini: si veda scheda artistica) rettangolari con architrave monolitica sempre in arenaria.

Dal Verme Castle of Zavattarello

Entirely stone-made, with walls up to 4 metres thick, the Castle of Zavattarello is a titanic building, an astonishing medieval fortress that resisted numerous sieges. 
From the terrace and the tower you can see a breathtaking panorama of all the surrounding land: green fields, deep woods, high mountains and low hills with other castles - Montalto Pavese, Valverde, Torre degli Alberi, Pietragavina. From here, you can understand well why they decided to build this stronghold here, in such a strategic place. 
The solid fortress overlooks the ancient village clinging to the hill, that once was without trees to allow the castle defenders a better control against enemies. Now, instead, the wood surrounding the building is a protected area, a 79 hectares park. We invite you to come and discover the beauty and the history, the art and the architecture, the past and the future of this fully restored medieval castle. Events, ceremonies, exhibitions, parties, conferences make these rooms alive, where ancient and modern merge, creating a unique emotional twine.

Saint Rocco Church

This little church (oratorio) is next to the Town Hall. It was built in XIV century and it was part of a monastery that now is not conservated. The major late-baroch altar, in golden wood, is defined by Ambrogio Corona (in "Zavattarello perla dell'Olterpò") "a masterpiece of baroch art"; a statue from XVI century represents Holy Mary with Jesus child. 

Cimitero ottagonale

DESCRIZIONE
Esterno. Esternamente, la parte più caratteristica è senz’altro l’ingresso, costituito da un portico di pianta rettangolare, con tre archi a tutto sesto (l’arco centrale è quello d’ingresso, mentre quelli laterali presentano un basso muretto in pietra e cancello in ferro battuto. L’arco di sinistra (guardando l’ingresso frontalmente) presenta archivolto in mattoni a vista e risulta impostato, a sinistra, sul pilastro laterale del portico e, a destra su una delle tre lesene in cui si suddivide il pilastro di sostegno centrale. L’arco centrale, lievemente strombato, presenta doppio archivolto: il più esterno poggia su lesene scanalate; il più interno, su lesene prive di decorazioni. L’arco di destra risulta impostato, a sinistra, su lesena priva di decorazioni; a destra, sul pilastro laterale del portico. Sul tetto, un piccolo frontespizio spezzato nella parte superiore e con volute laterali. Il portico d’ingresso risulta quindi diviso in tre campate: le due laterali sono destinate a cappelle; quella centrale è la campata d’ingresso. Tutte e tre le campate presentano soffitto con volta a crociera. Unico elemento di spicco lungo la muratura esterna, è lo spazio occupato dalla cappella Dal Verme che fuoriesce dalla cortina muraria. L’esterno della cappella è decorato da elementi in cotto che “scorrono” lungo la linea del sottotetto, e da una finestra ad oculo murata, con ghiera in cotto. Interno. Lo spazio centrale, ottagonale, è diviso in due parti da un sentiero in ciottoli, con cordonatura ai lati. Notevole il porticato che segue il perimetro ottagonale: è costituito da pilastri sostenenti ventiquattro archi a tutto sesto, e suddiviso in ventiquattro campate (tre per ogni lato del cortile ottagonale). I quattro lati angolari, sono costituiti da un arco centrale e due archetti laterali. Alcuni archi presentano archivolto in mattoni a vista.

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • P
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O

Contattaci

Comune di Varzi,
P.zza Umberto I
Varzi
Telefono: +39 0383/52676
Email: info@terrealtedoltrepo.it

Portale realizzato con i fondi di Regione Lombardia

Recent tweets

AGRITURISMO BOCCAPANE http://t.co/LOUZ2fDQmZ #scoriruini #altavaltidone #natura #prodottitipici
6 years ago Follow Us - @Terre Alte d'Oltrepò